CLOSE
Back To Top

Progetto A.B.C.

Un progetto di accoglienza per migranti

Progetto A.B.C.

Progetto A.B.C. Alfabetizzazione Bene Comune

Il progetto, finanziato dal Fondo FAMI, si è sviluppato nel biennio 2019-2021, e ha promosso la formazione linguistica dei cittadini di paesi terzi attraverso l’attivazione di corsi di italiano L2 totalmente gratuiti. Il progetto è stato gestito su base regionale e Mondo Aperto si è occupata di gestire l’organizzazione dei corsi nella Provincia della Spezia.

Un progetto ambizioso nato per favorire l’apprendimento di lingua e cultura italiana attraverso metodologie di apprendimento innovative e sperimentale: oltre alle classiche lezioni frontali sono state organizzate uscite didattiche, momenti di aggregazione e socializzazione, tecniche basate su linguaggi multimediali con un approccio esperienziale e role-play per apprendere l’italiano in modo attivo e coinvolgente. Dunque approccio comunicativo e grande attenzione alle fasce deboli, tra cui analfabeti e debolmente scolarizzati, target di alunni spesso tagliati fuori dalla formazione standard e che necessitano di percorsi formativi ad hoc.

L’emergenza legata alla pandemia da Covid_19 e le misure adottate per il suo contenimento hanno dato una forte frenata al progetto, costringendo tutti gli attori coinvolti a riadattarlo sulla base delle nuove modalità di erogazione dei corsi previsti per legge.

Gli insegnanti di italiano di Mondo Aperto, supportati dai tutor d’aula, sono comunque riusciti a erogare la quasi totalità delle ore di lezione previste, seppur in modalità da remoto. La didattica a distanza ha cambiato le carte in tavola e alcuni percorsi hanno dovuto essere trasformati.

La socializzazione è alla base dell’insegnamento della lingua agli stranieri. Per questo, fin che è stato possibile, abbiamo organizzato eventi ed uscite didattiche. La partecipazione alla festa di Natale all’interno del Centro di Accoglienza dove risiedevano due delle partecipanti con l’arrivo di Babbo Natale che portava regali ai bambini, la festa di compleanno organizzata per due studenti, la conoscenza di una compagnia di teatro locale e l’uscita didattica in uno dei più attivi teatri della città per fare esercizi di teatro e espressione corporea, la festa finale con musica e balli ecc. Tutte queste attività hanno contribuito a creare un clima piacevole e rilassante tra gli studenti che hanno seguito il corso con motivazione e ottimi risultati, creando relazioni che continuano tutt’ora tra molti di loro.

L’arrivo della pandemia e della didattica a distanza ha messo in difficoltà numerosi studenti che non avevano la possibilità di collegarsi da remoto, non avendo i mezzi tecnologici adatti (telefoni obsoleti, con memoria piena, mancanza di connessione wi-fi) o le competenze digitali necessarie a seguire un corso in maniera autonoma. Spesso questi studenti appartenevano alle fasce deboli e svantaggiate che questo progetto cercava di intercettare in maniera prioritaria.

Anche sui corsi che si è tentato di organizzare in presenza lo scoppio della pandemia ha avuto la conseguenza di dissuadere e scoraggiare gli studenti a frequentare per la paura di uscire di casa e di prendere i mezzi di trasporto pubblici.

A causa della pandemia si sono dovuti cancellare quelli che erano i veri punti di forza del progetto: gli eventi di socializzazione e le uscite didattiche, veri momenti di dialogo e confronto tra studenti e insegnanti e momenti di apprendimento informale.

Durante la pandemia sono stati purtroppo cancellati i corsi destinati alle donne con figli piccoli e servizio di baby-sitting per la difficoltà di realizzazione in seguito all’emergenza sanitaria e, di rimando, sono stati implementati i corsi ITALSTUDIO e i corsi dedicati al lessico professionale. Le scuole hanno fatto grande richiesta dei corsi ITALSTUDIO nella nostra provincia, anche per cercare di fornire agli studenti un supporto didattico, emotivo e motivazionale che dallo scoppio della pandemia è stato difficile per le scuole stesse riuscire a fornire per tutti gli studenti, soprattutto quelli che erano difficilmente raggiungibili da remoto.

I corsi erogati sul territorio:

  • 2 corsi di livello PREA1 di 120 ore ciascuno
  • 2 corsi di livello A1 di 100 ore ciascuno
  • 1 corso di livello A2 di 60 ore
  • 3 corsi di lessico professionale (ambito alberghiero turistico) di 30 ore ciascuno
  • 3 corsi di lessico professionale (ambito assistente famigliare) di 30 ore ciascuno
  • 5 corsi ITALSTUDIO (scuole superiori) di 30 ore ciascuno
  • 4 corsi ITALSTUDIO (scuole medie) di 30 ore ciascuno

A questo link le interviste realizzate alla conclusione del progetto da Telenord. L’intervista a Mondo Aperto è la seconda puntata.

Info_